3 Minuti per Agire a Favore di Squali e Razze?

Frontal portrait of Giant Manta Ray (Manta birostris) filter feeding. Raja Ampat, Indonesia.Abbiamo un’altra grande opportunità per aiutare squali e razze, impedendo loro di scomparire: un’opportunità che si presenta solo una volta ogni tre anni. Tutte le voci contano, e ci serve anche la tua!

Per favore dedicaci 3 minuti de tuo tempo e agisci oggi stesso:

La campagna: a partire dal 3 novembre, Project AWARE sarà in Ecuador alla CMS (Convegno sulle specie animali migratorie) per portare la voce dei subacquei tra i rappresentanti di 120 Nazioni. Si discuterà di 21 specie di squali e di razze, incluse alcune di quelle che amiamo di più: gli squali martello, gli squali seta e le mante del reef.

Il problema: in tutto il mondo, sebbene a livelli differenti, squali e razze sono già tutelati: ma questi animali migrano, attraversando molti confini politici. Uno squalo martello, protetto in una determinata zona, potrebbe tranquillamente non esserlo in altre acque: quindi, per questi viaggiatori del mare, la cooperazione internazionale è decisamente vitale.

In caso di successo: la nostra voce – la voce della comunità subacquea – può aiutare a persuadere le Nazioni a lavorare insieme, implementando accordi internazionali per la loro protezione.

Grazie per i 3 minuti che ci dedicherai oggi, e grazie per dare voce a squali e razze! Per sostenere la campagna, sii certo di saperne di più o fare una donazione .

Fotografia di Arturo de Frias Marques

L’Applicazione PADI® Rinnovata Aiuta nell’Acquisizione di Nuovi Subacquei e Offre Opportunità di Mantenimento per i Subacquei già Brevettati

L’Applicazione PADI® Rinnovata Aiuta nell’Acquisizione di Nuovi Subacquei e Offre Opportunità di Mantenimento per i Subacquei già Brevettati

L’applicazione, completamente revisionata, include funzionalità ancora più ricche per coinvolgere subacquei e non-subacquei nell’esperienza subacquea.

PADI (Professional Association of Diving Instructors), la più grande organizzazione di addestramento subacqueo al mondo, ha rinnovato l’Applicazione PADI per aiutare ad attrarre più subacquei e per creare delle connessioni con i Dive Centre e Resort PADI. È stato stimato che in tutto il mondo l’86% del tempo passato su un dispositivo mobile è speso sulle applicazioni mobili. Per questo motivo quando le persone vogliono avere informazioni sulla subacquea, si rifanno all’applicazione che gli fornisce tutte le informazioni di cui necessitano – la nuova App PADI. L’App PADI include quegli strumenti che aiutano a migliorare o aumentare il coinvolgimento degli utenti, portando a una conoscenza della subacquea e creando un’esperienza mobile unica per qualsiasi cosa relativa alla subacquea.

“In quanto organizzazione leader nell’addestramento subacqueo, l’obiettivo della PADI è di guidare le innovazioni dell’industria aiutando persone di tutte le età a scoprire la passione per la subacquea. Mentre l’attuale Applicazione PADI ha ad oggi quasi mezzo milione di download, la PADI ha fatto condurre una ricerca sull’industria, focalizzata su un gruppo targettizzato, ed ha unito tutti i dati relativi alle esperienze subacquee attuali per identificare quali caratteristiche cercano principalmente i subacquei in un’applicazione mobile. Il risultato è una nuova esperienza mobile che offre utili strumenti, collegamenti con novità e social, esaurienti informazioni sui corsi e che connette i subacquei con i Dive Centre e Resort PADI,” dice Krisrine Valette, vice presidente del marketing e le comunicazioni per PADI America.

PADIApp_Homepage

Le caratteristiche chiave della nuova Applicazione PADI comprendono:

  • Localizzatore di siti di immersione e di dive shop: Estrapolando informazioni da ScubaEarth®, questa funzione offre informazioni dettagliate del sito di immersione e collegamenti veloci per i vicini Dive Centre e Resort PADI. Gli utenti possono inoltre visualizzare le condizioni attuali del sito d’immersione come le temperature dell’acqua e dall’aria, le condizioni del mare e molto di più, in modo che possano pianificare le immersioni in maniera appropriata.
  • Sezione sull’addestramento con esaurienti informazioni sui corsi: I subacquei possono venire a conoscenza dei corsi e iscriversi all’ PADI eLearning o ai programmi Touch attraverso collegamenti di accesso diretto all’Applicazione PADI Library. Ai subacquei che si registrano ai programmi di addestramento digitale sarà richiesto di affiliarsi a un PADI Dive Center o Resort che in cambia riceverà una distribuzione dei profitti per ciascuno nuovo studente. Al momento, i Membri PADI hanno guadagnato più di 20 milioni di $ con la distribuzione dei profitti dell’eLearning. Questa sezione inoltre aiuta nelle vendite fornendo informazioni sulle attrezzature subacquee che i subacquei dovranno utilizzare durante l’addestramento.
  • Accesso all’eCard PADI: I subacquei possono scaricare le loro eCards sull’applicazione. Tutti i Subacquei PADI che otterranno una nuova certificazione riceveranno un’eCard PADI temporanea della durata di 30 giorni. I Membri PADI potranno usare le eCard temporanee come mezzo per aumentare la vendita delle eCards definitive. Questo offre la possibilità di una verifica immediata dell’addestramento ed è un qualcosa in più rispetto ai brevetti temporanei già esistenti che i subacquei ricevono di già.
  • Sezione viaggi con panoramica della destinazione: Gli utenti che stanno sognando un viaggio subacqueo possono vedere una grande quantità di destinazioni subacquee e pianificare il loro prossimo viaggio a un Resort PADI.
  • Funzionalità: l’aggiunta di ScubaEarth permette ai subacquei di accedere al logbook digitale dove possono salvare le loro informazioni e accedere a qualsiasi immersione precedentemente registrata su ScubaEarth. I subacquei hanno inoltre accesso ai promemoria sulla pianificazione delle immersioni e alle checklist. Possono rivedere i segnali manuali ed esercitarsi sui nodi marittimi.
  • Aggiornamenti su novità e social: con informazioni in tempo reale da parte dei canali sociali PADI (compresi ScubaEarth, Facebook, Twitter, Instagram e il PADI blog), gli utenti possono restare connessi e relazionarsi con il mondo della subacquea.

Gli attuali utenti dell’App PADI vedranno le nostre nuove funzioni dal loro prossimo aggiornamento mentre i nuovi utenti devono visitare l’App Store o Google PlayStore per scaricare l’applicazione.

PADI – Insieme, Noi Siamo i Numeri #1 nella Subacquea

The post L’Applicazione PADI® Rinnovata Aiuta nell’Acquisizione di Nuovi Subacquei e Offre Opportunità di Mantenimento per i Subacquei già Brevettati appeared first on PADIProsEurope.

L’Applicazione PADI® Rinnovata Aiuta nell’Acquisizione di Nuovi Subacquei e Offre Opportunità di Mantenimento per i Subacquei già Brevettati

L’Applicazione PADI® Rinnovata Aiuta nell’Acquisizione di Nuovi Subacquei e Offre Opportunità di Mantenimento per i Subacquei già Brevettati

L’applicazione, completamente revisionata, include funzionalità ancora più ricche per coinvolgere subacquei e non-subacquei nell’esperienza subacquea.

PADI (Professional Association of Diving Instructors), la più grande organizzazione di addestramento subacqueo al mondo, ha rinnovato l’Applicazione PADI per aiutare ad attrarre più subacquei e per creare delle connessioni con i Dive Centre e Resort PADI. È stato stimato che in tutto il mondo l’86% del tempo passato su un dispositivo mobile è speso sulle applicazioni mobili. Per questo motivo quando le persone vogliono avere informazioni sulla subacquea, si rifanno all’applicazione che gli fornisce tutte le informazioni di cui necessitano – la nuova App PADI. L’App PADI include quegli strumenti che aiutano a migliorare o aumentare il coinvolgimento degli utenti, portando a una conoscenza della subacquea e creando un’esperienza mobile unica per qualsiasi cosa relativa alla subacquea.

“In quanto organizzazione leader nell’addestramento subacqueo, l’obiettivo della PADI è di guidare le innovazioni dell’industria aiutando persone di tutte le età a scoprire la passione per la subacquea. Mentre l’attuale Applicazione PADI ha ad oggi quasi mezzo milione di download, la PADI ha fatto condurre una ricerca sull’industria, focalizzata su un gruppo targettizzato, ed ha unito tutti i dati relativi alle esperienze subacquee attuali per identificare quali caratteristiche cercano principalmente i subacquei in un’applicazione mobile. Il risultato è una nuova esperienza mobile che offre utili strumenti, collegamenti con novità e social, esaurienti informazioni sui corsi e che connette i subacquei con i Dive Centre e Resort PADI,” dice Krisrine Valette, vice presidente del marketing e le comunicazioni per PADI America.

PADIApp_Homepage

Le caratteristiche chiave della nuova Applicazione PADI comprendono:

  • Localizzatore di siti di immersione e di dive shop: Estrapolando informazioni da ScubaEarth®, questa funzione offre informazioni dettagliate del sito di immersione e collegamenti veloci per i vicini Dive Centre e Resort PADI. Gli utenti possono inoltre visualizzare le condizioni attuali del sito d’immersione come le temperature dell’acqua e dall’aria, le condizioni del mare e molto di più, in modo che possano pianificare le immersioni in maniera appropriata.
  • Sezione sull’addestramento con esaurienti informazioni sui corsi: I subacquei possono venire a conoscenza dei corsi e iscriversi all’ PADI eLearning o ai programmi Touch attraverso collegamenti di accesso diretto all’Applicazione PADI Library. Ai subacquei che si registrano ai programmi di addestramento digitale sarà richiesto di affiliarsi a un PADI Dive Center o Resort che in cambia riceverà una distribuzione dei profitti per ciascuno nuovo studente. Al momento, i Membri PADI hanno guadagnato più di 20 milioni di $ con la distribuzione dei profitti dell’eLearning. Questa sezione inoltre aiuta nelle vendite fornendo informazioni sulle attrezzature subacquee che i subacquei dovranno utilizzare durante l’addestramento.
  • Accesso all’eCard PADI: I subacquei possono scaricare le loro eCards sull’applicazione. Tutti i Subacquei PADI che otterranno una nuova certificazione riceveranno un’eCard PADI temporanea della durata di 30 giorni. I Membri PADI potranno usare le eCard temporanee come mezzo per aumentare la vendita delle eCards definitive. Questo offre la possibilità di una verifica immediata dell’addestramento ed è un qualcosa in più rispetto ai brevetti temporanei già esistenti che i subacquei ricevono di già.
  • Sezione viaggi con panoramica della destinazione: Gli utenti che stanno sognando un viaggio subacqueo possono vedere una grande quantità di destinazioni subacquee e pianificare il loro prossimo viaggio a un Resort PADI.
  • Funzionalità: l’aggiunta di ScubaEarth permette ai subacquei di accedere al logbook digitale dove possono salvare le loro informazioni e accedere a qualsiasi immersione precedentemente registrata su ScubaEarth. I subacquei hanno inoltre accesso ai promemoria sulla pianificazione delle immersioni e alle checklist. Possono rivedere i segnali manuali ed esercitarsi sui nodi marittimi.
  • Aggiornamenti su novità e social: con informazioni in tempo reale da parte dei canali sociali PADI (compresi ScubaEarth, Facebook, Twitter, Instagram e il PADI blog), gli utenti possono restare connessi e relazionarsi con il mondo della subacquea.

Gli attuali utenti dell’App PADI vedranno le nostre nuove funzioni dal loro prossimo aggiornamento mentre i nuovi utenti devono visitare l’App Store o Google PlayStore per scaricare l’applicazione.

PADI – Insieme, Noi Siamo i Numeri #1 nella Subacquea

La prima volta

La prima volta …. C’è sempre una prima volta in ogni attività umana, nel lavoro, nelle amicizie,nell’amore.
E la prima volta ha un che di mistico e di magico che l’imprime a fuoco nella memoria. Chi non ricorda l’ansia e le attese, la paura del successo o dell’insuccesso, le aspettative e il timore insite nella prima volta, come, ad esempio la prima volta che avete fatto all’amore. E tutta la nostra vita è solo amore o non amore, non solo per una persona, ma anche per un lavoro od un’attività.
Beh, anch’io ho  avuto la mia prima volta, il mio primo corso open water, appena una settimana fa!

Ma come, dirà qualcuno, dopo tutti questi anni e tutti questi brevetti, ancora non avevi   fatto un corso owd ?

Si , la prima volta che ho fatto un corso OWD con l’elearning, dato che i miei clienti, ora cari amici, erano olandesi; la prima volta che l’ho fatto in lingua inglese, e vi lascio immaginare la fatica per me che so poco anche l’italiano- ma evidentemente mi son fatto capire se hanno fatto tutto ciò che gli ho chiesto e siamo finiti a chiacchierare durante la premiazione a tarallucci e prosecco !; la prima volta che ho usato  il nuovo corso OWD, anche se non era richiesto perché non ancora tradotto nella loro lingua.
È stato bellissimo studiare la notte come sistemare gli esercizi flessibili sia delle acque confinate che di quelle libere per costruire il corso passo per passo: prima soddisfare le richieste per lo Scuba e poi per completare l’OWD, a causa del poco tempo disponibile delle loro ferie, in modo che, se per un qualche problema, non si fosse potuto  completare l’intero OWD, almeno una certificazione l’avrebbero conquistata!
E  tutto questo dando un senso logico all’ordine degli esercizi – ad esempio, cosa mettere dopo la CESA in A.L. rimozione piombi o gonfiaggio gav a bocca ?
Ed è stato bellissimo chiudere il corso in appena tre giorni, vedendo la trasformazione via via dei due allievi. Come è stato bellissimo stare a sentire il briefing di Matteo (Mattijs)  durante la mini immersione, quando, parlando a Rachele(Rachida) dei potenziali pericoli descriveva l’ingresso e la visibilità come due fattori ambientali di cui tener conto (beh, va detto che è stato agevolato dal fatto che eravamo in un vivo ambiente di acque confinate e non in piscina dove ci vuole molta piu’ fantasia a immaginare un ambiente locale !)
È stato molto divertente per tutti gli attori quando ho assegnato i problemi che l’altro doveva poi risolvere immediatamente, un po’ come si fa ai candidati istruttori.
Ed è stata la prima volta, questo si in assoluto, per Alessio (Alessio Fastelli, il mio braccio destro). Dovevate vedere la sua faccia quando si è reso conto che tutta la sua fatica, il suo impegno,  i suoi sforzi,   la sua calma  e l’empatia (che non è una forma particolare di simpatia come lasciano intendere alcuni giornalisti) sono stati determinanti per trasformare un terragnolo appena nuotatore in un subacqueo quasi pesce (Mattijs). Finalmente si è reso conto di quanto sia delicato, difficile e pesante ma anche tanto premiante quando ti rendi conto che trasformi materia inerte in qualcosa di bello e vivo! È il premio più grande per chi fa questo lavoro  con amore.
E allora grazie, mamma PADI, grazie di aver fatto diventare internazionale OBIBLU, la mia scuola, con l’e-learning!  Adesso OBIBLU può fare corsi a tutti gli stranieri che vengono anche solo per pochi giorni in Italia e speriamo che ne vengano tanti, noi siamo qui ad attenderli  gioiosamente!
Ed ancora grazie di far programmi per stare un passo avanti a tutti gli altri nel migliorare lo sviluppo e la crescita degli allievi, rendendoli e rendendoci più sicuri per andar sott’acqua, come il nuovo corso OWD, novità questa che, come sempre, ho abbracciato immediatamente, anche se con i  timori dovuti alla presa di beneficio dell’esperienza acquisita.
Grazie PADI !
Nello Bianchi MI 29527
ObiBlu
C/O Camping Giannella, SP Giannella, Porto S. Stefano, Livorno
Email: obiblu.obiettivoilblu@virgilio.it
http://www.obiblu.it/

Competizione fotografica di Eilat – Mar Rosso

Per il decimo anno consecutivo si è svolta la competizione fotografica di Eilat. Questa manifestazione è riconosciuta come la più importante nel settore ed integra elementi di fotografia, tecnologia, turismo e subacquea.

Photo by Boaz Samurai, winner of the Jury Award

Foto di Boaz Samorai, vincitore del Premio della Giuria

La competizione fotografica di Eilat, si distingue per l’assegnazione di premi di grande valore ai vincitori, compresi premi in denaro, vacanze subacquee in destinazione formidabili, attrezzatura fotografica subacquea, attrezzatura subacquea ed altro ancora.

Durante l’edizione del 2014, la manifestazione, in partnership con PADI EMEA, ha presentato una nuova opportunità per tutti i fotografi subacquei: le Olimpiadi a Squadre di fotografia subacquea.

F0_0660_0380_jQuery_Global(1)
Ai fotografi provenienti dallo stesso paese è stata data la possibilità di formare una squadra e partecipare alla categoria a Squadre. I partecipanti dovevano presentare un album di 6 foto fatte durante le sessioni ufficiali.

Il verdetto finale è stato dato sul palco, durante la cerimonia dei vincitori, il 13 settembre 2014 ad Eilat ed è stato trasmesso dal vivo su internet. PADI EMEA si congratula con la Spagna, vincitrice del prestigioso premio per la categoria a Squadre. Il primo premio per la categoria a Squadre consisteva in 3.000 dollari in contanti, sponsorizzato da PADI EMEA.

16095_10152604729435660_1196895809449333668_n

PADI EMEA si congratula, inoltre, con il Course Director PADI, Boaz Samorai, vincitore del primo premio della categoria Giuria. Grande Boaz!

La manifestazione di Eilat ha ricevuto una grande eco mediatica a livello internazionale: CNN, Fashion TV, Reuters ed innumerevoli riviste di fotografia e di subacquea.

L’ispiratore e l’anima della manifestazione è David Pilosof, un fotografo subacqueo di grande esperienza che è stato anche il primo fotografo al mondo ad introdurre il concetto di “nudo” ed immagini di moda subacquee, che si possono trovare in uno dei libri di fotografia di maggior successo: Samantha.

Photo by Boaz Samurai, winner of the Jury Award

Foto di Boaz Samorai, vincitore del Premio della Giuria

Durante la manifestazione, è stata trasmessa dal vivo una delle più belle immersioni al mondo. L’immersione da Guinness dei primati comprendeva oltre 200 subacquei, 26 istruttori, 32 addetti alla produzione e 12 fotografi professionisti, che si sono immersi sul relitto Satil ad Eilat, Israele. Usando una sofisticata tecnologia, l’immersione è stata trasmessa dal vivo in alta definizione (HD) ed ha permesso che milioni di spettatori, internauti e possessori di smartphone in tutto il mondo, potessero assistere a questo straordinario evento.

PADI EMEA si congratula con gli organizzatori, la giuria e tutti i fotografi per avere reso possibile la realizzazione del più incredibile evento fotografico al mondo. Vorremmo inoltre ringraziare tutti coloro che hanno partecipato all’immersione da Guinness dei primati sul relitto Satil.

Arrivederci all’anno prossimo,
PADI EMEA

Testimonianza del Course Director PADI, Boaz Samorai:

“Durante l’ultima settimana, ho partecipato ad una competizione di fotografia subacquea ad Eilat, nel Mar Rosso. In questo tipo di competizione, ai fotografi vengono assegnate delle date specifiche in cui fare le loro foto in un determinato ambiente. Ci sono molte cose da fare: pianificare le immersioni, prendersi cura della propria attrezzatura fotografica, cercare di scattare delle foto quanto più creative possibile per farsi notare dalla giuria e cercare di vincere uno dei favolosi premi in palio, che vanno da premi in denaro (10.000 dollari!) a stupende vacanze in destinazioni esotiche, fino a della attrezzatura fotografica. In totale ho effettuato 12 immersioni in 3 giorni di competizione, per un totale di quasi 1500 minuti sott’acqua. Durante queste immersioni, sono riuscito a fare alcune delle più belle foto della mia carriera e sono riuscito a spingere la mia creatività e qualità a nuovi limiti. Ho messo insieme una collezione di 5 foto per la categoria principale – il miglior portafoglio – e la giuria l’ha scelta come una delle cinque finaliste. Alla fine, sono riuscito a vincere il Premio della Giuria che consiste in attrezzatura fotografica del valore di 5.000 dollari, messo in palio dalla Subal. A proposito, il premio equivale a 200 dollari per ogni ora che ho passato sott’acqua durante la competizione. Se solo lo avessi saputo, mentre morivo di freddo alla fine di ogni immersione… Le mie foto hanno evidenziato 3 aspetti diversi dell’ambiente subacqueo: la bellezza della vita marina – ho fatto una foto alla bocca di un pesce pappagallo, la connessione tra l’uomo e l’ambiente subacqueo – ho fatto una foto ad una ragazza che accarezza un delfino, ed una foto della luna dietro i rami di un corallo che evidenziava il connubio tra il mondo sopra e sotto la superficie. Uno dei benefici di questa manifestazione è di far conoscere l’ambiente subacqueo a tutto il mondo e di sensibilizzare le persone alla protezione della vita marina e all’apprezzamento di ciò che esiste sotto la superficie del mare (AWARE). In particolare, mi ha reso felice vedere che due miei studenti di fotografia digitale subacquea abbiano raggiunto le fasi finali delle categorie amatoriali! Spero di incontrare molti altri appassionati di subacquea nelle competizioni fotografiche future, qui nel Mar Rosso, di immergermi con loro e di fare foto incredibili della favolosa vita marina”.
Boaz Samorai, PADI CD#942946

Ahmed Gabr, Istruttore PADI, conquista il nuovo Guinness dei primati di profondità

photo 4 (3)Tutto cominciò quattro anni fa, quando mi venne la curiosità di sapere a quale profondità massima potesse arrivare il corpo umano. Cominciai a cercare la risposta sui libri e su internet, ma non riuscivo mai a trovare una risposta precisa. Così, pensai che il modo migliore per trovarla fosse di provare personalmente. Questo fu l’inizio del progetto. All’inizio ci furono molte difficoltà, visti i costi molto alti per l’organizzazione della logistica e l’arruolamento di persone con esperienza che potessero assistermi durante la discesa e durante la risalita. Ho conosciuto molte persone interessate al progetto, ma molti di loro non credevano veramente in quello che stavo facendo. Probabilmente erano spinti da interessi personali e secondi fini.photo 1 (3)Finalmente, trovai le persone giuste a Dahab, nel Sinai del Sud. Abbiamo lavorato insieme giorno e notte ed ho attinto a tutta la loro esperienza per concretizzare questo progetto. Hanno sempre creduto in me. Mi chiedevano: “Perché vuoi fare quest’impresa?” e io rispondevo: “Se vuoi aspettare che qualcuno ti apra una porta, allora aspetterai per tutta la vita e quella porta rimarrà sempre chiusa”.

Nell’ultimo anno, abbiamo messo a punto le miscele ideali per ogni livello di profondità, in modo da evitare le patologie principali: tossicità d’ossigeno, MDD, sindrome nervosa da alta pressione e controdiffusione isobarica. Abbiamo cominciato a testare le diverse miscele a basse profondità, ne abbiamo modificato alcune ed abbiamo preso una decisione finale sulla combinazione di miscele da usare durante l’immersione del tentativo di record. Tutte le decisioni sono state prese insieme, mai singolarmente.

photo 5

Mi sentivo felice e a mio agio e la mia sicurezza cresceva di ora in ora, specialmente quando riuscimmo a trovare degli sponsor per il progetto.

Mi ci sono voluti 14 minuti per scendere alla quota record. Una volta raggiunta la quota, ho afferrato il cartellino ufficiale, certificato dai giudici Guinness e da altri esperti presenti. Erano presenti circa 12 giudici, alcuni testimoni ed esperti di subacquea tecnica e commerciale ed anche il giudice ufficiale Guinness per certificare l’immersione. La decompressione è durata 13 ore e 50 minuti, 6 delle quali le ho trascorse in compagnia di un cucciolo di longimanus: probabilmente voleva congratularsi con me!

Dopo essere risalito in superficie, sono stato esaminato dai medici che hanno confermato che, a parte una lieve disidratazione, stavo bene. L’esperimento era terminato, ma io non mi fermo.

Certificate

 

Congratulazioni ad Ahmed Gabr a al suo fantastico team per aver ottenuto il Guinness dei primati di profondità a 332,35 metri.

The post Ahmed Gabr, Istruttore PADI, conquista il nuovo Guinness dei primati di profondità appeared first on PADIProsEurope.

Ahmed Gabr, Istruttore PADI, conquista il nuovo Guinness dei primati di profondità

photo 4 (3)Tutto cominciò quattro anni fa, quando mi venne la curiosità di sapere a quale profondità massima potesse arrivare il corpo umano. Cominciai a cercare la risposta sui libri e su internet, ma non riuscivo mai a trovare una risposta precisa. Così, pensai che il modo migliore per trovarla fosse di provare personalmente. Questo fu l’inizio del progetto. All’inizio ci furono molte difficoltà, visti i costi molto alti per l’organizzazione della logistica e l’arruolamento di persone con esperienza che potessero assistermi durante la discesa e durante la risalita. Ho conosciuto molte persone interessate al progetto, ma molti di loro non credevano veramente in quello che stavo facendo. Probabilmente erano spinti da interessi personali e secondi fini.photo 1 (3)Finalmente, trovai le persone giuste a Dahab, nel Sinai del Sud. Abbiamo lavorato insieme giorno e notte ed ho attinto a tutta la loro esperienza per concretizzare questo progetto. Hanno sempre creduto in me. Mi chiedevano: “Perché vuoi fare quest’impresa?” e io rispondevo: “Se vuoi aspettare che qualcuno ti apra una porta, allora aspetterai per tutta la vita e quella porta rimarrà sempre chiusa”.

Nell’ultimo anno, abbiamo messo a punto le miscele ideali per ogni livello di profondità, in modo da evitare le patologie principali: tossicità d’ossigeno, MDD, sindrome nervosa da alta pressione e controdiffusione isobarica. Abbiamo cominciato a testare le diverse miscele a basse profondità, ne abbiamo modificato alcune ed abbiamo preso una decisione finale sulla combinazione di miscele da usare durante l’immersione del tentativo di record. Tutte le decisioni sono state prese insieme, mai singolarmente.

photo 5

Mi sentivo felice e a mio agio e la mia sicurezza cresceva di ora in ora, specialmente quando riuscimmo a trovare degli sponsor per il progetto.

Mi ci sono voluti 14 minuti per scendere alla quota record. Una volta raggiunta la quota, ho afferrato il cartellino ufficiale, certificato dai giudici Guinness e da altri esperti presenti. Erano presenti circa 12 giudici, alcuni testimoni ed esperti di subacquea tecnica e commerciale ed anche il giudice ufficiale Guinness per certificare l’immersione. La decompressione è durata 13 ore e 50 minuti, 6 delle quali le ho trascorse in compagnia di un cucciolo di longimanus: probabilmente voleva congratularsi con me!

Dopo essere risalito in superficie, sono stato esaminato dai medici che hanno confermato che, a parte una lieve disidratazione, stavo bene. L’esperimento era terminato, ma io non mi fermo.

Certificate

 

Congratulazioni ad Ahmed Gabr a al suo fantastico team per aver ottenuto il Guinness dei primati di profondità a 332,35 metri.

PADI Member Support Pack (2015)

msp_header

PADI Europe, Middle East and Africa (EMEA) invita i PADI Dive Centers e Resort a trarre vantaggio dal PADI Member Support Pack (2015).

Se state programmando di partecipare ad una delle Fiere dove sarà presente PADI EMEA, o ad una Fiera locale, potete aumentare la visibilità del vostro stand grazie al Member Support pack. Trovate tutte le informazioni al riguardo nel documento PADI Member Support Pack Application (2015).

Tenete presente che ogni richiesta del Member Support Pack PADI sarà valutata singolarmente in base all’ordine di ricezione (primo arrivato, primo servito) e la loro disponibilità è limitata. Inviate, quanto prima, al reparto Marketing dell’ufficio PADI EMEA (marketing.emea@padi.com) la richiesta del vostro Member Support Pack PADI prima della data di scadenza (qui sotto).

Date delle Fiere della subacquea con PADI EMEA nel 2015 e scadenze per l’invio della richiesta del Member Support Pack PADI:
Salon de La Plongeé (9 – 12 gennaio) – Scadenza per la richiesta: 28 novembre 2014 Boot Düsseldorf (17 – 25 gennaio) – Scadenza per la richiesta: 6 dicembre 2014
Dive Travel Show (7 – 8 febbraio) – Scadenza per la richiesta: 27 dicembre 2014
Telegraph Outdoor Adventure and Travel Show (12 – 15 febbraio) – Scadenza per la richiesta: 1 gennaio 2015
London International Dive Show (14 – 15 febbraio) – Scadenza per la richiesta: 3gennaio 2015
Dive Middle East Xpo (3 – 7 marzo) – Scadenza per la richiesta: 20 gennaio 2015
EUDI Show (6 – 9 marzo) – Scadenza per la richiesta: 23 gennaio 2105
DIVE 2015 (24 – 25 ottobre) – Scadenza per la richiesta: 12 settembre 2015

Potete inviare altre richieste di aiuto e sostegno per altre Fiere o eventi locali a marketing.emea@padi.com dove verranno prese in esame singolarmente.

E’ di nuovo tempo di Fiere della subacquea

1014 Showtime Blog Header

PADI Europe, Middle East and Africa sarà di nuovo presente a molte Fiere della subacquea nel 2015. La presenza di PADI a queste Fiere è a sostegno dei PADI Dive Centres, dei membri e dei subacquei e rappresenta un’opportunità di dare il benvenuto nel favoloso mondo della subacquea a tutti coloro che non sono subacquei.

Veniteci a trovare ad una delle Fiere per conoscere le ultime novità riguardo ai corsi e ai prodotti PADI di ultima generazione. Sarà presente anche il personale dei reparti Customer Service, Training e Sales and Marketing per rispondere alle vostre domande. Lo staff PADI condurrà, inoltre, dei Member Forum per i professionisti PADI, dei seminari e presentazioni varie per voi, il vostro staff ed i vostri subacquei.

Non dimenticate che i visitatori che si iscrivono ad un corso PADI presso uno dei PADI Dive Centre presenti alla Fiera, riceveranno una T-Shirt PADI in REGALO! Una volta prenotato il corso, il Dive Centre darà ai propri clienti un voucher da presentare allo stand PADI, per avere la T-Shirt PADI in REGALO.

Vi attendiamo per darvi il benvenuto allo stand PADI ad una delle seguenti Fiere della subacquea.

Fiere della subacquea 2015

Ottemperanza agli standard ISO per i fornitori di servizi

I programmi PADI sono globalmente certificati come conformi agli standard della International Organization for Standardization (ISO) per i Servizi di Subacquea Ricreativa. Questo fornisce un beneficio in più a tutti i membri PADI e ai subacquei in tutto il mondo: il riconoscimento internazionale da parte di un organo internazionale ed indipendente di definizione degli standard di qualità, con una portata ancora maggiore del Comitato Europeo di Normazione (CEN). Questo è il motivo per cui potete vedere una nota che specifica l’equivalenza ISO sui brevetti PADI.

I membri della PADI Retail and Resort Association possono trarre vantaggio da questo riconoscimento promuovendo il loro stato di Fornitori di Servizi di Subacquea Ricreativa certificati ISO. Come membro della PADI Retail and Resort Association, potete richiedere automaticamente l’adesione allo standard Fornitore di Servizi. Seguire gli standard PADI soddisfa il 95% dei requisiti ISO per questo livello; ci sono solo alcuni passi in più da fare per ottemperare completamente ai requisiti ISO. Molto probabilmente sono cose che già fate, dal momento che sono tutte normali prassi commerciali, ma assicuratevi di documentarle:

    • Assicuratevi di avere un’informativa completa dei servizi forniti ai clienti, che evidenzi tutti i prezzi, gli obblighi di entrambe le parti e la conferma che il centro controlla il livello di certificazione e l’esperienza di tutti i subacquei prima di decidere quali attività proporre.
    • Fate una valutazione del rischio prima di ogni immersione e tenete un piano di emergenza pronto per ogni sito di immersione in cui vi immergete.
    • Mantenete un registro di tutte le qualifiche e mansioni del vostro personale ed assicuratevi di avere, nel vostro staff, almeno un PADI Open Water Scuba Instructor in stato attivo che supervisioni qualsiasi attività d’addestramento.
    • Tenete un registro completo della manutenzione e noleggio della vostra attrezzatura

Per informazioni dettagliate, o domande specifiche riguardo agli standard ISO per fornitori di servizi, contattate il vostro Regional Manager PADI o il reparto PRRA presso il vostro ufficio PADI. Se volete ottenere una copia degli standard ISO rilevanti per voi, potete farlo dal vostro organo nazionale di standardizzazione.Il titolo è “Recreational Diving Services – Requirements for recreational scuba diving service providers” il numero dello standard è ISO 24803.