2017 Show Support Pack

00ssp-blog-600x300-jpg

PADI vuole sostenere la vostra attività di promozione della subacquea e quindi, se avete deciso di partecipare ad una fiera commerciale nel 2017 per promuovere la didattica PADI, potete richiedere il vostro Show Support Pack gratuito per il 2017! Abbiamo reintrodotto, a grande richiesta, le bandiere da spiaggia PADI alte 3 metri; vi aiuteranno a identificare la vostra area espositiva e a distinguervi dai vostri concorrenti e le potrete tenere alla fine dell’evento. A seconda dell’evento a cui parteciperete, saranno disponibili altri prodotti, tra cui i braccialetti e occhiali da sole PADI.

Se siete interessati, completate il modulo 2017 Show Support Pack Application e inviatelo a [email protected]. Il vostro pacchetto vi sarà inviato insieme al vostro prossimo ordine di acquisto.

L’offerta è riservata ai 100% PADI Dive Centre e fino a esaurimento delle scorte.

The post 2017 Show Support Pack appeared first on PADIProsEurope.

PADI celebra 25 milioni di brevetti!

PADI®, negli ultimi 50 anni, ha formato subacquei in tutto il mondo e ha emesso quasi 25 milioni di brevetti.

Per celebrare 50 fantastici anni come “PADI – The Way the World Learns to Dive®”, inviteremo il subacqueo che riceverà il 25 milionesimo brevetto a festeggiare questo evento, con noi, in un viaggio da sogno presso la Grande Barriera Corallina in Australia!

winddreamdive_new

Se sarai l’istruttore che emetterà questo specialissimo brevetto, potrai partire assieme a un compagno d’immersioni e il tuo studente per festeggiare questo evento epocale.

SCOPRI LA GRANDE BARRIERA CORALLINA IN AUSTRALIA

La Grande Barriera Corallina è la più grande struttura formata da organismi viventi nel mondo ed è formata da circa 2900 reef individuali, 600 isole continentali e 300 isole coralline. I subacquei la adorano per la sua bellezza e ricchezza in termini di biodiversità, dato che ospita un’incredibile varietà di vita marina tra cui tartarughe, razze di mare e perfino balenottere rostrate.

Il pacchetto premio comprende:

  • Tre giorni e tre notti su barca da crociera per le immersioni sulla Grande Barriera Corallina
  • Biglietto di andata e ritorno, in classe economica, per Cairns, Australia
  • Alloggio per quattro notti a Cairns, Australia
  • Gita di un giorno alla Daintree Forest, un luogo dichiarato patrimonio mondiale

The post PADI celebra 25 milioni di brevetti! appeared first on PADIProsEurope.

Come riconoscere i problemi polmonari

Le lesioni polmonari gravi sono tra le lesioni subacquee più pericolose ed è fondamentale, per un professionista subacqueo, essere in grado di riconoscerle e reagirvi velocemente. Le lesioni polmonari possono avere effetti gravi e di lunga durata e richiedono cure immediate. Ecco alcuni dei problemi polmonari più ricorrenti per i subacquei:

Edema polmonare da immersione

L’edema polmonare da immersione è una delle tante lesioni polmonari che possono accadere ai subacquei. I sintomi più comuni, nei subacquei che si sono immersi di recente, sono: dolori al petto, espettorato schiumoso di colore rosa e dispnea (respiro affaticato).

L’edema polmonare è un accumulo di fluido nei polmoni, in parte causato da un’immersione, e avviene perché si crea uno squilibrio tra le pressioni opposte dei fluidi che circondano i polmoni. Questo crea un eccesso di fluido nei tessuti polmonari. L’immersione può aumentare la pressione del fluido presente nei capillari che circondano i polmoni e questo differenziale può essere aggravato da diversi fattori, che possono portare a un maggiore rischio di edema (gonfiore) polmonare. Per minimizzare i rischi di edema, si raccomanda di prestare particolare attenzione a fattori quali eccessiva idratazione, eccessivo affaticamento, ipertensione e obesità.

Sindrome da sovradistensione polmonare

La sindrome da sovradistensione polmonare avviene quando una quantità d’aria bloccata nei polmoni, a causa di un’ostruzione delle vie aeree o perché si trattiene il respiro, si espande durante la risalita e fa espandere i polmoni al di là della loro massima capacità. Questo può comportare un barotrauma polmonare che si può manifestare come pneumotorace, enfisema sottocutaneo o mediastinico, o come embolia arteriosa. Le lesioni da sovradistensione polmonare si possono prevenire sottoponendosi regolarmente a visita medica, non trattenendo mai il respiro durante un’immersione ed evitando le risalite veloci.

Embolia polmonare oxygen_demandvalve

L’embolia polmonare è la lesione più grave in assoluto. Non è direttamente legata alla subacquea, ma può ricordare alcune lesioni subacquee. L’embolia polmonare è dovuta al blocco del flusso sanguigno nel sistema vascolare dei polmoni a causa di un accumulo di grasso o di coaguli sanguigni. I sintomi più comuni dell’embolia polmonare sono: dolori al petto, gonfiore delle vene del collo, svenimento o alterazione del livello di coscienza.

L’embolia polmonare comporta, di solito, un calo della pressione sanguigna e della gittata cardiaca. L’embolia polmonare grave è facilmente diagnosticabile, ma la lenta manifestazione di quella cronica può essere facilmente trascurata. Alcuni fattori di rischio includono: difetti cardiaci, obesità, fumo e ipertensione. Alcune lesioni, tipo la trombosi venosa profonda che può accadere durante lunghi periodi di inattività, come i viaggi aerei, possono contribuire all’embolia polmonare, poiché i coaguli derivanti dalla trombosi possono passare attraverso il sistema polmonare e accrescere il rischio di blocchi.

Se si sospetta che un subacqueo presenti una di queste condizioni, bisogna farlo uscire immediatamente dall’acqua, fornirgli ossigeno e chiamare subito l’assistenza medica. E’ importante che tutti i casi vengano esaminati da un medico, dato il rischio di insorgenza di complicazioni dopo l’incidente.

Per maggiori informazioni sul sistema polmonare e la subacquea, visitate: DAN.org/Health.

H_DAN_LogoYDSA

The post Come riconoscere i problemi polmonari appeared first on PADIProsEurope.