Come Perfezionare i Tuoi Briefing Subacquei

Articolo di John Kinsella

“Avrei voluto fare un briefing più breve, ma non ho avuto tempo” Comprensibile, che arrivi al punto, i briefing subacquei devono essere mirati.

fiji10_712prvw

Qualche volte le cose piccole possono avere un grande effetto. Pensate ai diffusi briefing subacquei. Questa semplice e breve presentazione ha un’enorme influenza sul risultato finale dell’immersione e, specialmente com’è stato messo in luce nell’articolo sulla Gestione del Rischio, nel primo trimestre del 2017 del The Undersea Journal, è un’ottima idea assicurarsi che i briefing subacquei vengano regolarmente rivisti, analizzati e migliorati.

Il caso legale menzionato nell’articolo dell’UJ si riferiva all’errore di una guida subacquea: il non includere informazioni sulle potenziali condizioni ambientali. Il fattore chiave che ha fatto decidere la corte è stato di non aver menzionato l’esistenza di queste condizioni ambientali potenziali ed eventuali: la guida ha ricevuto la pena più alta; malgrado il subacqueo avesse firmato un rilascio di responsabilità e ci sia stato un semplice errore procedurale.

Perciò che cosa includi tu in un briefing? Un buon inizio è quello di riguardarsi i materiali del Divemaster, in particolare le slates. Ci sono 10 punti da coprire:

1 – Il nome del sito subacqueo
2 – Descrizione del sito
3 – Il tuo ruolo
4 – Tecniche di entrata ed uscita
5 – Procedure subacquee
6 – Procedure d’emergenza
7 – Rivedere i segnali
8 – Lista e controllo con il compagno
9 – Orientamento ambientale
10 – Controllo di sicurezza pre-immersione

Alcuni di questi punti sono semplici e si spiegano da soli, altri sono un po’ più complicati e coincidono con altri. Per esempio, nella descrizione del sito subacqueo, assicurati di includere la topografia, i punti di interesse, i rischi, le condizioni, la profondità, orientamento, servizi, attrezzatura d’emergenza ecc. Senza dilungarsi sulle cose negative, includi scrupolosamente eventuali pericoli e le condizioni. Se, ad esempio, ci sono delle correnti dovute alle maree su un sito particolare, menzionale (e spiega come evitarle o affrontarle), anche se vi state immergendo in acque con correnti deboli.

Fiji10_568prvw.jpg

Alcuni di questi s’integreranno con le procedure subacquee, specialmente se ci sono procedure raccomandate per affrontare specifici rischi locali o specifiche condizioni ambientali. Con le procedure subacquee si coprono alcune tematiche come i corsi suggeriti, come evitare qualsiasi problema che potrebbe insorgere a causa di rischi e condizioni del sito, soste di sicurezza, riserva dell’aria, controllo del gruppo, ecc. Molti di questi varieranno da sito a sito.

Le procedure d’emergenza avranno a che fare con protocolli locali, in caso di separazione, poca aria o assenza totale, procedura per richiamare un subacqueo, dispositivi per i segnali di superficie, e così via. Nuovamente, essere esaustivi non significa terrorizzare, ma è importantissimo essere comprensibili.

Come puoi avere tutto questo con un briefing bello ma breve? Ironicamente, ci vuole del tempo per eliminare tecnicismi non necessari, parole incomprensibili e dettagli inutili, che sono tutte cose che di certo non sono essenziali in un briefing.

Un ottimo inizio è quello di scriverti queste informazioni per ciascun sito di immersione che visiti, così sei sicuro di avere qualcosa in mano che ti garantisce di non dimenticare. Inoltre usare il metodo della scrittura è perfetto per essere focalizzati e per essere sicuri che niente venga dimenticato. E non c’è maniera migliore per raccogliere suggerimenti dallo staff e dai clienti se non quello di dar loro una copia del briefing e chiedere loro un’opinione a riguardo.

Concisione, attinenza e impatto sono enormemente importanti: prenditi del tempo e focalizzati nell’includerli tutti.

The post Come Perfezionare i Tuoi Briefing Subacquei appeared first on PADIProsEurope.