E’ migliorato l’utilizzo di PADI eLearning

Da questo giugno, PADI è diventato partner di Akamai, leader mondiale nella distribuzione di contenuti via internet, per portare l’esperienza PADI eLearning® a un livello superiore, grazie alla tecnologia dei server di ultima generazione. In tutto il mondo, le persone si sono abituate a esperienze online veloci e di qualità superiore ed è fondamentale che l’industria subacquea continui a distinguersi, in questo panorama altamente competitivo.

padi-elearning

Akamai lavora con aziende (tra cui Apple, Verizon, Sony, Disney e Yahoo) che distribuiscono enormi quantità di contenuti via internet a livello mondiale. La loro rete comprende 216.000 server, ospitati in centri dati in oltre 120 paesi al mondo. Circa l’85% degli utilizzatori internet nel mondo sta già utilizzando un server Akamai.

Akamai ospiterà i corsi PADI eLearning in centri dati locali, il che significa che i subacquei a Londra, Sydney o Hong Kong non dovranno collegarsi a un server negli USA per utilizzare il sistema eLearning. Questo renderà la connessione ai corsi eLearning molto più veloce. Il maggior beneficio si avrà, verosimilmente, sul tempo di caricamento dei video.

Questa tecnologia è ora disponibile in tutto il mondo e potrete notare questi miglioramenti da subito, una volta che accedete a qualsiasi corso eLearning.

Ci sono altri miglioramenti previsti per quest’anno. PADI, infatti, aggiornerà e potenzierà il Learning Management System (LMS), il sistema che fa funzionare i corsi eLearning. Questo permetterà di avere nuove funzionalità, tra cui il design responsivo per dispositivi mobili, che supporta dispositivi mobili, cellulari e tablet, compresi i dispositivi iOS che sono, al momento, solo supportati dalla linea di prodotti Touch. Questi upgrade permettono di utilizzare dei video a maggiore risoluzione, in modo che i subacquei che usano i prodotti eLearning su un desktop o laptop possano guardare i video anche a schermo intero. Inoltre, grazie a file di dimensione più ridotta, il caricamento dei prodotti digitali PADI, sulle reti mobili, sarà più veloce e, nel 2017, i subacquei potranno partecipare ai corsi anche quando i dispositivi sono offline.

I corsi PADI eLearning migreranno su una nuova piattaforma tra la fine del 2016 e durante tutto il 2017. Vi comunicheremo l’avvenuta transizione quando saremo più vicini alla data di lancio; intanto, informate tutti i vostri subacquei, esistenti e potenziali, che molto presto avranno a disposizione delle esperienze educative all’avanguardia.

The post E’ migliorato l’utilizzo di PADI eLearning appeared first on PADIProsEurope.