Giornata Ecologica al Saturnia Pulizia Fondali Marini

AcquaMission

Il 25 luglio 2015 il centro PADI Acqua Mission ha tenuto una giornata ecologica dedicata alla pulizia del fondale marino a Trieste. Partecipe dell’evento anche l’istruttore Danilo Bellese, Partner 100% AWARE, che ha anche dato una presentazione sull’attività svolta da Project AWARE per la protezione dei nostri mari e rimarcando il fatto di quanto questi tipi di eventi siano importanti per la conservazione del nostro pianeta Oceano. Per leggere l’intero articolo, clicca qui.

Giornata Mondiale dell’Oceano 2015: Project AWARE spiega il Disastroso Viaggio della nostra Spazzatura

Scarica il poster del “Disastroso Viaggio della Nostra Spazzatura” per educare la tua comunità su come la nostra spazzatura sia divenuta il problema dei mari.

Scarica il poster del “Disastroso Viaggio della Nostra Spazzatura” per educare la tua comunità su come la nostra spazzatura sia divenuta il problema dei mari.

Come riesce la nostra spazzatura a farsi strada sino al mare? La nuova infografica animata della Project AWARE ne spiega il disastroso percorso, evidenziando i pericoli che i nostri rifiuti – durante di questo – fanno correre agli ecosistemi marini ed alla vita selvatica. Eppure, nonostante la questione appaia scoraggiante, c’è ancora speranza! Con le nostre capacità “anfibie”, noi della comunità subacquea siamo nella miglior posizione per contribuire alla soluzione globale partecipando al Dive Against Debris, il programma di asporto e raccolta dati sulla spazzatura marina che Project AWARE porta avanti senza soluzione di continuità.

Noi tutti vogliamo un mare sano ed un altrettanto sano “pianeta oceano”; unisciti anche tu alla lotta che Project AWARE combatte contro la spazzatura marina: per questo World Oceans Day – ma anche per tutto il resto dell’anno – diventa un “Debris Activist”!

I nostri mari sono sotto assedio. Dai rifiuti che produciamo quotidianamente, come sacchetti di plastica, incarti di cibo e bottiglie di tutti i tipi, a oggetti ben più grandi quali batterie per automobili, elettrodomestici da cucina e reti da pesca, ciò che gettiamo finisce in mare in quantità allarmante: i nostri mari sono diventati una vera e propria discarica!

Ugly Journey of our Trash ItalianI rifiuti marini non solo sono invisibili: sono pericolosissimi per la vita marina, per la nostra salute e, non bastasse, anche molto costosi per le nostre economie. Gli animali marini possono restarvi impigliati, o scambiarne piccole parti per cibo – spesso con esiti fatali: ma anche i subacquei, chi nuota e persino chi cammina sulle spiagge può restarne ferito o infettato. Per non parlare del fatto che i rifiuti plastici costano agli ecosistemi marini qualcosa come 13 miliardi di dollari l’anno. Per stimolare cambiamenti nelle infrastrutture e nelle politiche gestionali per la spazzatura – a tutti i livelli – sono pertanto indispensabili informazioni sempre più accurate su fonti ed impatto.

Chi ne è responsabile? Tutti noi! Insieme, possiamo aiutare a impedire che ciò accada, e comunque ripulire il nostro pianeta oceano per farlo tornare in salute.

Scarica il poster del “Disastroso Viaggio della Nostra Spazzatura” per educare la tua comunità su come la nostra spazzatura sia divenuta il problema dei mari.

La Nuova Mappa Interattiva è la Prima Che Permette Di Visualizzare i Rifiuti Marini

Project AWARE Dive Against Debris

I subacquei di tutto il mondo rimuovono i rifiuti che trovano sott’acqua e ne riportano i dati

La mappa interattiva lanciata questa settimana dalla Project AWARE visualizza i rapporti ricevuti in quasi tre anni dalla rete internazionale di Volontari subacquei che, nell’ambito del programma Dive Against Debris, asportano i rifiuti rinvenuti sott’acqua.

Il Dive Against Debris consente a subacquei di tutto il mondo di rimuovere i rifiuti che trovano sui fondali, riportandone al contempo quantità e tipo: detta piattaforma di rilevamenti – basata sul web – permette loro di inviare dati ed immagini direttamente online. Ora, queste informazioni possono essere visualizzate grazie alla nuova mappa interattiva Dive Against Debris, facendo così luce sul crescente problema della spazzatura finita in mare, altrimenti quasi sconosciuto alla grande maggioranza delle persone.

Ania Budziak – Associate Director of Science and Policy della Project AWARE – afferma: “Grazie a queste informazioni, sostenuti da persone sul campo e lavorando tutti insieme, possiamo guidare il cambiamento, tanto indispensabile per i mari, su due percorsi diversi: sia sopra che sott’acqua. “Insieme, possiamo cambiare ciò che produciamo e consumiamo, così come il modo in cui ci sbarazziamo dei rifiuti. Ma, soprattutto, possiamo influire sulle politiche necessarie a migliorare la gestione locale, nazionale ed internazionale della spazzatura.”

Per leggere l’articolo completo, clicca qui. Per vedere ciò che i subacquei stanno trovando sott’acqua, e coinvolgervi nel programma, andate alla mappa che trovate a projectaware.org/DiveAgainstDebrisMap.